Assegnazioni provvisorie e utilizzazioni docenti, domande dal 15 giugno al 5 luglio

Assegnazioni provvisorie e utilizzazioni docenti, domande dal 15 giugno al 5 luglio

Per l’a.s. 2021/2022 le domande per le Assegnazioni provvisorie, utilizzazioni e ottimizzazioni del personale docente sarà possibile presentarle su Istanze online a partire da oggi 15 giugno e fino al 5 luglio 2021.

Per alcune categorie di personale è prevista la presentazione del devono presentare il modello cartaceo:

  • personale docente ex DDG 85/2018 (cd “FIT”), le cui graduatorie sono state pubblicate entro il 31 agosto 2018 e che hanno ripetuto nell’anno scolastico 2019/2020 il periodo di formazione e prova o che non avendolo potuto concludere, per motivi eccezionali, nei predetti anni scolastici, l’abbiano ripetuto nel 2020/2021;
  • personale educativo e insegnanti di religione cattolica.

Ai docenti, immessi in ruolo nell’a.s. 2020/2021, è preclusa la possibilità di ricorrere alla mobilità annuale 2021/2022, tranne per quesi soggetti in situazione di sopravvenuto esubero o soprannumero o ai docenti che si trovino nelle situazioni seguenti:

  • genitori con figli minori di 3 anni;
  • coniuge convivente del personale militare.
Assegnazioni provvisorie e utilizzazioni docenti, domande dal 15 giugno al 5 luglio

Mobilità Docenti 2021/22 – pubblicati gli esiti

Quest’oggi sono stati pubblicati gli esiti della mobilità docenti 2021/22 per tutti gli ordini di scuola. Di seguito i file da scaricare.

Per coloro i quali le domande di mobilità non siano state soddisfatte, è possibile ricorrere avverso la procedura appena espletata aderendo ai ricorsi predisposti dal nostro Ufficio legale.

PER INFO SCRIVERE A ufficiolegale@ulmscuola.it 

SCARICA GLI Esiti Mobilità docenti 2021/22

Concorso a cattedra per materie scientifiche (STEM) al via per 6.129 posti

Concorso a cattedra per materie scientifiche (STEM) al via per 6.129 posti

Pubblicato in Gazzetta Ufficiale il Decreto sostegni con il quale si avviano, tra l’altro, le procedure per il concorso a cattedra rivolto esclusivamente alla copertura dei posti per le materie scientifiche. I posti messi a bando per le materie STEM sono 6129.

Il concorso prevederà una prova scritta con quesiti a risposta multipla, volta all’accertamento di conoscenze e competenze dei candidati sulle discipline della specifica classe di concorso o tipologia di posto per la quale partecipa, nonché sull’informatica e sulla lingua inglese.

La prova, computer–based, si svolgerà nelle sedi individuate dagli Uffici Scolastici Regionali e consisterà nella somministrazione di 50 quesiti, 40 dei quali riguarderanno i programmi previsti dall’allegato A al decreto del Ministro dell’istruzione 20 aprile 2020, n. 201 per la singola classe di concorso, 5 sull’informatica e 5 sulla lingua inglese. Non sono ancora noti i programmi per inglese e informatica.

La prova avrà una durata massima di 100 minuti, oltre gli eventuali tempi aggiuntivi previsti secondo la normativa vigente. Ogni risposta esatta varrà 2 punti, risposte errate o non date zero punti. La prova orale sarà  valutata al massimo 100 punti e superata da coloro che conseguono il punteggio minimo di 70 punti.

La formazione delle graduatorie avverrà entro il 31 luglio 2021 e saranno utilizzate per le immissioni in ruolo relative all’anno scolastico 2021/2022 entro il 30 ottobre 2021.

I posti divisi per classe di concorso

Concorso straordinario, la prova si svolgerà dal 22 ottobre al 9 novembre.

Concorso straordinario, la prova si svolgerà dal 22 ottobre al 9 novembre.

Pubblicato in Gazzetta Ufficiale il decreto con le date dello svolgimento del concorso straordinario per il ruolo che mette a bando 32.000 posti.

Le prove si terranno dal 22 ottobre fino al 9 novembre con scaglionamento per classe di concorso.

Sono previste misure di sicurezza anti Covid come misurazione della temperatura dei candidati all’ingresso. Chi registrerà una temperatura corporea pari o superiore a 37,5 gradi centigradi non potrà sostenere la prova.

La prova scritta

  • La prova scritta, da superare con il punteggio minimo di 56/80 sarà computer based, distinta per classe di concorso e tipologia di posto.
  • La durata della prova e’ pari a centocinquanta minuti, salvo gli eventuali tempi aggiuntivi di cui all’art. 20 della legge 5 febbraio 1992, n. 104 per chi ne beneficia.

La prova scritta per i posti comuni, é articolata come segue:

a. cinque quesiti a risposta aperta, volti all’accertamento delle conoscenze e competenze disciplinari e didattico-metodologiche in relazione alle discipline oggetto di insegnamento;
b. un quesito, composto da un testo in lingua inglese seguito da cinque domande di comprensione a risposta aperta volte a verificare la capacita’ di comprensione del testo al livello B2 del “Quadro comune europeo di riferimento per le lingue.”

La prova scritta per i posti di sostegno é articolata come segue:

a. cinque quesiti a risposta aperta, volti all’accertamento delle metodologie didattiche da applicare alle diverse tipologie di disabilita’, nonche’ finalizzata a valutare le conoscenze dei contenuti e delle procedure volte all’inclusione scolastica degli alunni con disabilita’;

b. un quesito, composto da un testo in lingua inglese seguito da cinque domande di comprensione a risposta aperta volte a verificare la capacita’ di comprensione del testo al livello B2 del Quadro comune europeo di riferimento per le lingue.

La prova scritta per le classi di concorso di lingua inglese è svolta interamente in inglese ed è composta da 6 quesiti a risposta aperta rivolti alla valutazione delle relative conoscenze e competenze disciplinari e didattico-metodologiche.

I quesiti delle classi di concorso relative alle restanti lingue straniere, sono svolti nelle rispettive lingue, più la valutazione della capacita’ di comprensione del testo in lingua inglese al livello B2 con il quesito di lingua inglese.

VAI A TUTTE LE INFO SUI CONCORSI

VAI ALLE INFO DEL MIUR

Mobilità interprovinciale al 100% con ULMScuola

Mobilità interprovinciale al 100% con ULMScuola

RICORRI PER OTTENERE MOBILITÀ AL 100%

Fin dalla fondazione del nostro sindacato, abbiamo sostenuto la battaglia dei Fuori Sede, docenti bloccati in province diverse da quelle della propria residenza, la maggior parte nel nord Italia.

Ogni governo interpellato da ULMScuola non ha mai voluto affrontare il problema tanto è che nessun CCNI mobilità ha previsto una quota straordinaria per consentire a questi docenti (ad oggi si stimano in circa 25.000) il ricongiungimento con i propri familiari.

Né tantomeno le OO.SS. rappresentative che siedono al tavolo delle trattative hanno mai battuto i pugni per tutelare i docenti Fuori Sede.

ULMScuola è l’unico sindacato che sostiene e tutela i docenti Fuori Sede, nelle sedi istituzionali e nei tribunali con il ricorso esclusivo.https://www.insegnareoggi.it/ricorso-fuori-sede-ulmscuola/

RICORRI PER OTTENERE MOBILITÀ AL 100%

HELP ON LINE
1
Help on Line
Ciao, come possiamo aiutarti?