Firmato il CCNI mobilità per il triennio 2019-2020

Oggi, 31 dicembre 2018, all’indomani dell’approvazione definitiva della Legge di Bilancio 2019 che contiene manovre riguardanti la sucola e la mobilità, MIUR e OO.SS. rappresentative hanno siglato l’accordo per il contratto di mobilità per il personale docente, ATA ed educativo per il triennio 2019-2022.

SCARICA IL TESTO DEL CCNI 2019-2022

Tra le novità di questo nuovo contratto:

  • il Contratto Collettivo Nazionale Integrativo sulla mobilità sarà triennale e valido per gli aa.ss. 2019/2020 – 2020/2021 – 2021/2022;
  • il personale docente potrà partecipare annualmente ai movimenti, esclusi coloro i quali otterranno la mobilità su una delle scuola richieste che dovranno vincolati per un triennio alla scuola ottenuta;
  • I docenti che ottengono il movimento richiesto saranno titolari su scuola.
  • Le percentuali dei posti vacanti e disponibili da destinare alle immissioni in ruolo e ai trasferimenti saranno:
  • 50% alle immissioni in ruolo;
  • 50% alla mobilità e nello specifico:
  • 2019-20: 40 % ai trasferimenti interprovinciali e 10% ai passaggi;
  • 2020-21: 30% ai trasferimenti interprovinciali e 20% ai passaggi;
  • 2021/22: 25% ai trasferimenti interprovinciali e 25% ai passaggi.
  • I docenti con supplenza annuale FIT, all’esito positivo della prova finale verranno riconfermati con titolarità di scuola dal 1° settembre 2019 sulla sede di attuale servizio.
  • Per i docenti FIT individuati da graduatorie pubblicate entro il 31 dicembre sarà accantonato un numero di posti a livello provinciale e al termine della mobilità sceglieranno la scuola su tutta la provincia ovvero dopo la mobilità e prima delle nuove immissioni per l’a.s. 2019/2020.
  • La mobilità si svolgerà secondo le seguenti fasi: 1) comunale; 2) provinciale; 3) interprovinciale.
  • I docenti potranno indicare preferenza su:
  • scuola;
  • comune;
  • distretto;
  • provincia.
  • I movimenti saranno pubblicati in un’unica data per tutti gli ordini e gradi di istruzioni.
  • La tabella titoli rimane invariata.